Gruppo famiglie

Il cammino delle giovani coppie, poi diventate famiglie, è iniziato circa sette anni fa ed è andato via via modificandosi, pur mantenendo sempre inalterato lo scopo originario e prioritario: quello, cioè, di condividere momenti di riflessione, di confronto e anche di svago, per vivere al meglio la chiamata ad essere famiglie cristiane.
Il gruppo famiglie nel 2004

Circa tre anni fa, dopo un’esperienza di vacanza insieme, alcune famiglie hanno sentito il desiderio di essere una presenza all’interno dell’oratorio domenicale. Si è dato vita, pertanto, ad uno spazio-gioco attrezzato per bambini di età inferiore ai sei anni, accompagnati da figure adulte (genitori, nonni…). L’esperienza ha dato e continua a dare risultati positivi, soprattutto perché offre anche agli adulti un’occasione in più per dialogare, confrontarsi e consolidare i rapporti d’amicizia, all’interno di una struttura di cui si vuole sostenere l’importante progetto educativo.

A queste occasioni si aggiungono gli incontri mensili che  si è cercato di curare maggiormente, ricorrendo anche a relatori esterni, curando gli eventuali aspetti logistici, programmando a priori le tematiche su cui confrontarsi e migliorando la rete e lo scambio di informazioni, sia all’interno che all’esterno del gruppo.

Fulcro dei nostri incontri rimane l’Eucaristia che  precede alcuni di questi ed è aperta a tutte le famiglie della comunità. Inoltre, per vivere al meglio la Santa Messa, si è pensato di animare l’Eucaristia domenicale delle 18  in chiesa parrocchiale, in occasioni particolari quali, per esempio, la giornata della vita.

Altra peculiarità del gruppo riguarda il coinvolgimento di alcune giovani che si sono rese disponibili come baby sitters durante gli incontri che, tra le altre cose, si chiudono sempre con un momento di convivialità, reso possibile dalla grande disponibilità di volontari “addetti” alla cucina.

Un obiettivo che il gruppo vorrebbe concretizzare maggiormente è quello della missionarietà, dell’essere vicini alle famiglie nel bisogno e di essere maggiormente “visibili” all’interno della comunità.

A questo riguardo si sono rivelati più che proficui i rapporti con la Caritas parrocchiale.

Permangono, logicamente, dei limiti legati alle legittime esigenze famigliari che lasciano poco tempo libero da offrire alla comunità intera, anche se il cammino intrapreso ci stimola ed educa sempre più a vivere nel quotidiano l’essere famiglia cristiana come primo e fondamentale mattone della chiesa e della società.

La famiglia è e deve essere sempre segno tangibile della presenza gioiosa del Risorto in mezzo a tutta la comunità,

in tutte le occasioni e momenti della giornata, soprattutto in quelli in cui pare sia più difficile testimoniarlo.

 

Il Gruppo Famiglie